Chi sono

Sono nata il 12 settembre 1987. Ho vissuto a Cardiff e a Londra, per poi stabilirmi a Lodi.

I libri, in molti sensi, sono la mia vita. Ho iniziato con i racconti, vincendo nel 2006 il Premio Subway Letteratura con Hassan. A vent’anni, nel 2007, ho vinto il Premio Campiello Giovani con il racconto La leggerezza del rumore, inserito nell’antologia Campiello Giovani 07 (Marsilio, 2007). Ho pubblicato i romanzi Tu che te ne andrai ovunque (Giulio Perrone Editore, 2009) e Happy Italy (Giulio Perrone Editore, 2011). Per qualche anno mi sono dedicata soprattutto al teatro e alla progettazione culturale nei territori di Lodi e Milano, attraverso la mia associazione Teatro Urlo. Ho collaborato con la rivista Q Code Magazine, scrivendo di lavoro e precariato e viaggi.

Nel 2019 ho vinto il Premio Neri Pozza con il romanzo Le cose da salvare (Neri Pozza, 2020), candidato al Premio Strega e vincitore del Premio Salerno Libro d’Europa 2020, del Premio Lugnano 2020 e finalista al Premio Wondy di Letteratura Resiliente 2021. Dal 2016 al 2019 ho gestito il Caffè dell’Arti a Lodi,  hub culturale con all’attivo oltre centosessanta eventi.

Da oltre dieci anni tengo corsi e laboratori di scrittura creativa e sono editor freelance.

84542133_10220819523938566_6837256750303805440_o

I miei romanzi

Le cose da salvare, Neri Pozza 2020.

Happy Italy, Giulio Perrone Editore 2011

Tu che te ne andrai ovunque, Giulio Perrone Editore 2009

I miei racconti

Viola, nell’antologia Ci stiamo lavorando, Ensemble 2014

La leggerezza del rumore, nell’antologia Campiello Giovani ’07 2007

La foto rubata, nell’antologia 1966, Ballo di Carnevale a Mortara, Fondazione Mondadori 2007

Hassan, Subway Letteratura 2006

Il teatro

Orlando, produzione Teatro Urlo 2017

Prometeo, produzione Teatro San Babila di Milano e Maschere Nere 2016

Gli uccelli, produzione Teatro Urlo 2016

Prometeo: uno studio, produzione Teatro Urlo 2016

Processo a Socrate, produzione Teatro Urlo 2015