17042020

Qui in Lombardia la tragedia è epocale. Se n’è andata una generazione. Chi abita in provincia sa cosa significa. Vuol dire non incontrare più il tuo dirimpettaio, il farmacista storico, i fratelli benzinai, il bancario in pensione, l’ex fiorista, l’ex panettiera, l’ex gioielliere. Sfoltiti brutalmente i capannelli al sole della piazza, i giocatori del bridge, gli amici della bocciofila, i nonni stanchi nelle case di riposo. La memoria di una comunità, le radici brontolone, dolcissime e fondamentali di tante famiglie. Qui a Lodi, dove abito, il numero di decessi tra fine febbraio e metà aprile è aumentato del 261,5% rispetto allo stesso periodo nel 2019. Il forno crematorio è stato acceso dodici ore al giorno. Non c’era posto per tutte le salme e molte bare sono rimaste in una chiesa adiacente, in attesa. Nessuno a vegliarle.


Per me comincia a essere il tempo dei perché e della giustizia per questi morti. Quello dei lenzuoli colorati e delle canzoni alle finestre è finito da un pezzo.

05042020

La settimana scorsa ho letto la storia degli innamorati Inga e Karsten, rispettivamente 85 e 89 anni, rispettivamente residente in Danimarca e residente in Germania, e dei loro incontri ad Aventoft, al confine tra i due Paesi. Dopo la chiusura, infatti, l’unico modo che hanno per guardarsi negli occhi è davanti alla sbarra bianca e rossa che segna la frontiera, su un paio di sedie portate da casa. Inga ha detto di voler trascorrere tutto il suo tempo con Karsten, perché “passa troppo lentamente quando si è soli”.

Oggi rimbalza invece sui giornali italiani la notizia, un po’ buffa, della briscola clandestina organizzata da un gruppo di pensionati al Canale Villoresi, nella campagna milanese, e delle strategie messe in atto per eludere la sorveglianza di famiglie e forze dell’ordine: tutto per una mano come si deve insieme, vicino allo specchio d’acqua, nel silenzio vespertino e senza i filtri tremolanti di Skype, Zoom, Gotomeeting – sempre che li sappiano usare. Persone irresponsabili? Persone egoiste e individualiste? O forse, banalmente, persone sole? Mercoledì scorso, davanti al supermercato, qualcuno usciva con borse flosce, semivuote, e giocavo a indovinarne la magra spesa: un po’ di pane, un po’ di scatolame, un pacco di pasta, due mele – pochi euro nel portafogli? la pensione da dover aspettare? partita iva che da un mese vive senza reddito? Chissà. Stamattina, al sole slavato della piazza, un ragazzo bighellonava con le mani in tasca e gli occhi chiusi, e ho capito che si beveva la luce, alla disperata ricerca di un po’ di fotosintesi esistenziale (no, non tutti posseggono giardini e balconi e finestre affacciate sul cielo).

Più approfondiamo questa quarantena, più mi riesce difficile non domandarmi da dove venga davvero questo nostro ritrovato rigore nel seguire pedissequamente le regole draconiane che ci vengono imposte, e soprattutto nel denunciare prontamente con strilli indignati chi invece non lo fa. Abbiamo finalmente ricominciato a pensarci come una società civile? Ci fidiamo del patto con i nostri governanti e rispettiamo le competenze? Oppure – come scriveva ieri Maurizio Maggiani – abbiamo semplicemente paura di morire? E chi e che cosa stabilisce la priorità dell’inaccettabile? Viene prima la morte o la solitudine? O la fame? Io non ho risposte e forse non le voglio nemmeno. Però la compassione, in questa burrasca, mi sembra l’unico bagliore di lampara: splende tra le mani di chi esercita la solidarietà concreta, curando, assistendo, trasportando, ed è uno sfarfallio caldo e stupefacente anche in una pratica alla portata di tutti: l’assenza di (pre)giudizio. Quella che si coltiva con l’immaginazione. Quella che che, una volta, chiamavamo empatia.

Edgar Morin

Edgar Morin su La Lettura – Corriere della Sera.

“L’economia, la finanza, le merci hanno creduto di unire il mondo. In realtà hanno creato un gigantesco mercato. Senz’anima né coscienza né conoscenza. Siamo clienti, non familiari di una stessa umanità.”

92704003_10221424664746708_6684369907569655808_n

26032020

Se avete mai avuto a che fare con le case di riposo, sapete. Sapete della tenerezza: prendere la mousse a cucchiaiate e aiutarli a mangiare nella luce triste della mensa, i bisticci davanti al televisore, i laboratori di disegno, sentirsi chiamare con il nome sbagliato e rispondere lo stesso, perché nei loro occhi il tempo è un maroso che muta le correnti e riporta a galla fantasmi e sogni; sapete del dolore che rimane nelle pieghe dei saluti, quando è ora di andare, ci si congeda in corridoio in mezzo a chiacchiere urlate se è una giornata tollerabile, nella stanza se le ore proprio non ingranano, sbattono contro il letto, il deambulatore, il crocifisso, contro cose che non si vedono ma che loro riescono a riconoscere tra i granelli di un altro tramonto inutile che si disfa, e allora non hanno più una gran voglia di parlare – e sapete del senso di colpa, irrimediabilmente moderno, che si prova nel tornare a casa e saperli lì, non importa se non si poteva fare altrimenti, se gli operatori sono gentili, non importa se il cortile splende di magnolie in fiore. Se avete mai avuto a che fare con le case di riposo, sapete che bisognerebbe smettere di chiamarli anziani, casi, decessi. I quarantatré morti della Casa di Riposo Santa Chiara a Lodi erano persone. Genitori, nonni, mariti, mogli. Spazzati via dal 21 febbraio al 25 marzo, in silenzio.

Le parole importano anche per voi, e non si tratta di sentimentalismo ma di sentimento, e il sentimento è intellettuale: nel suo significato più antico; capire, comprendere. Penso a voi, alle vostre famiglie, a questa sofferenza arrivata di schianto. Nei grandi numeri di queste settimane suscita uno stupore quasi trattenuto, siamo assuefatti alla conta che cresce. Ma voi esistevate. Eravate amati. Ve ne siete andati soli.

 

La staffetta dei libri

Nessun decreto, nessuna circolare, in queste settimane, ha mai elencato i libri tra i beni di prima necessità. Dietro di me le nuvole sono basse, cariche, la luce grigia si poggia sulla campagna e ogni filo e fiore e uccello è strattonato dallo stesso vento che rallenta la mia bicicletta. Ho appena consegnato due libri. Non cibo, non medicine, solo storie. È vero, in tempo di guerra occorre essere pratici e pensare alla sopravvivenza del nostro organismo biologico. Me lo ricorda il cimitero che si staglia oltre la strada sterrata e il campo, quello che non possiamo più visitare anche se i morti sono i nostri e il rito sarebbe un maniera per iniziare ad accettare questa endemica e collettiva fragilità. So che si muore se manca il pane, se manca l’antibiotico, non se mancano i libri. Eppure le persone li domandano. Ogni giorno di più, con una certa timidezza, come se si trattasse di un lusso di cui vergognarsi un po’. Davvero li portate? Anche un solo libro? Anche se abito fuori dal centro? Quando arrivo, loro scendono di casa e io li aspetto in strada, mascherina, guanti, distanza di sicurezza. Non ci tocchiamo mai, due parole veloci e però se potessero resterebbero più a lungo, con il libro in mano e le ciabatte e gli occhi grati e angosciati, È dura, Passerà, State attente, Grazie.

Scrivo libri da più di dieci anni, non avrei mai pensato che un giorno avrei aiutato a farli arrivare nelle case, pedalando in lungo e in largo attraverso la mia città deserta e ferita. Siete come una staffetta partigiana, ci hanno detto. Ho sorriso, A noi almeno non sparano addosso. Però ho capito: esiste una forma di resistenza anche in questo piccolo traffico di storie e parole. All’idea che basterà tenerci in salute, per farci tornare a vivere. In fondo lo sappiamo, che non è così: bisogna anche restare umani.

 

90625353_10221270952543999_7893293490749046784_n

.